Recapitate tre buste di minaccia, contenenti materiale sospetto indirizzate ad Emma Bonino

Nota di Silvja Manzi e Antonella Soldo, segretaria e tesoriera di Radicali italiani

“Ieri nella sede dei Radicali italiani di via Bargoni, a Roma, è stata recapitata una lettera indirizzata a Emma Bonino. L’involucro di cartone conteneva, una dentro l’altra, delle buste in plastica sigillata. All’interno, una polvere bianca di materiale sospetto. La cui natura sarà chiara solo dopo che saranno concluse le analisi chimiche. Il sospetto, però è che si tratti di un esplosivo o di materiale batteriologico, come fa pensare l’elettrosaldatura della busta che lo conteneva. Ad aprirla è stata la collaboratrice della Senatrice Bonino, che è stata portata all’Ospedale Spallanzani per accertare che la sostanza non avesse contaminato il suo corpo. Nel frattempo l’Ufficio al Senato, dove la lettera era stata portata successivamente e dove è stata aperta, è stato sigillato per bonifica. Così come è in corso la bonifica della sede di Radicali italiani dove nel frattempo sono state recapitate in mattinata altre due buste identiche a quella di ieri. Il mittente, ovviamente, è anonimo. Ma le missive sembrano essere state spedite da Londra e – sebbene siano state recapitate a mano dal postino – non riportano timbro postale.

Al momento non abbiamo elementi sufficienti per valutare. Quello che sappiamo è che il messaggio chiaro è quello di una minaccia. Nei confronti di Emma, di quello che rappresenta e delle sue e nostre battaglie. Ovviamente siamo preoccupate per l’incolumità delle persone che lavorano e frequentano ogni giorno la nostra sede e per questo confidiamo nell’opera degli inquirenti che stanno lavorando al caso, ringraziandoli per essere intervenuti immediatamente.

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA