Siamo in piena crisi umanitaria prima che politica. 500 persone in balia del mare. Occorre agire e fare in fretta

Manzi (Radicali italiani): Il nostro appello ai parlamentari perché scongiurino con la politica un declino autoritario

Mentre 320 Senatori sono stati richiamati con urgenza dalle ferie per l’inedita seduta d’Aula di questo pomeriggio, 507 persone soccorse in mare non possono sbarcare. Da giorni in balia delle condizioni atmosferiche e dell’inerzia della democratica Europa e della democratica Italia – denuncia Silvja Manzi, segretaria di Radicali italiani – queste persone rischiano la vita perché hanno osato sfuggire alla certezza della fame, della disperazione, della morte.
Il leader della Lega si fa forte dell’ignobile “decreto sicurezza bis” appena approvato, i cui rilievi del Presidente della Repubblica restano validi e pesantissimi, e vieta l’ingresso in acque territoriali. Intanto orchestra un ferragosto di crisi istituzionale senza precedenti.
Il declino umano e politico cui stiamo assistendo ci farà vergognare agli occhi delle prossime generazioni.
Lo abbiamo sempre detto e lo ribadiamo: il rispetto delle regole, delle leggi, delle istituzioni è condizione imprescindibile per una convivenza civile e democratica.
Il Presidente Mattarella dovrà verificare la possibilità di costruire un nuovo Governo da portare alla fiducia del Parlamento. Ecco perché ci appelliamo ai parlamentari, affinché operino per costituire una nuova maggioranza che abbandoni la strada della distruzione delle Istituzioni, dell’abolizione dei diritti umani per i migranti, della cancellazione della separazione dei poteri, dell’abbattimento dello Stato di diritto, la strada del cinismo e del cattivismo, dell’odio fomentato, e – conclude Manzi – si costruisca sulla base di un programma di riforme che possano far riconquistare al nostro Paese la credibilità perduta.

Appello ai Parlamentari: Una nuova maggioranza politica per impedire svolta autoritaria

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA