“Operazione legalità”: una proposta dalla campagna Ero straniero

“Operazione legalità”: una proposta dalla campagna Ero straniero

Martedì 12 novembre, ore 13.00

Palazzo Montecitorio, sala stampa Camera dei Deputati

Via della Missione 4

Un contributo concreto alla legge di bilancio può arrivare da un provvedimento in materia di immigrazione. I promotori della campagna “Ero straniero” propongono a governo e Parlamento una “operazione legalità”.

Nel mese di aprile scorso è stata avviata in Commissione affari costituzionali alla Camera dei deputati la discussione della proposta di legge di iniziativa popolare di riforma dell’attuale testo unico sull’immigrazione, per “la promozione del regolare soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari”, sottoscritta da 90.000 cittadini italiani e depositata il 27 ottobre 2017 dal comitato promotore della campagna “Ero straniero”. Il testo è frutto del lavoro e dell’esperienza di tante realtà, anche molto diverse tra loro, impegnate sull’immigrazione a vari livelli.

I promotori di Ero straniero, nel corso della conferenza stampa di martedì 12 novembre alla Camera dei deputati, offriranno il loro contributo alla discussione sulla manovra economica con una proposta rivolta al governo e al Parlamento, una “operazione legalità” che comporterebbe benefici evidenti in termini di entrate per lo Stato, contrasto all’evasione e sicurezza nei territori.

Il titolo della pdl di iniziativa popolare è Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari. Relatore in Commissione Affari Costituzionali è il deputato Riccardo Magi. Si compone di 8 articoli che prevedono: l’introduzione di un permesso di soggiorno temporaneo per la ricerca di occupazione e attività di intermediazione tra datori di lavoro italiani e lavoratori stranieri non comunitari; la reintroduzione del sistema dello sponsor; la regolarizzazione su base individuale degli stranieri “radicati”; l’effettiva partecipazione alla vita democratica col voto amministrativo e l’abolizione del reato di clandestinità.

Ero straniero è promossa da: Radicali Italiani, Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, ACLI, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto, CILD, Oxfam Italia, ActionAid Italia, Legambiente Onlus, ASCS – Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo, AOI, Fcei – Federazione Chiese Evangeliche in Italia, con il sostegno di numerosi sindaci e decine di organizzazioni.

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA