Ambiente: 21 le procedure d’infrazione contro l’Italia, Governo ha intenzione di fare qualcosa? Enorme danno a ambiente, salute e tasche dei cittadini

“Bene fa il Governo a parlare di ambiente, concordiamo con quanto dichiarato oggi dal sottosegretario all’ambiente Morassut sull’urgenza di approvare un nuovo collegato ambientale.

Ci preme però sottolineare come l’esecutivo Conte e, in particolare, il ministro Costa, debbano urgentemente intervenire sui contenziosi con l’Europa proprio su questa materia. Delle 77 procedure di infrazione contro il nostro Paese, 21 riguardano l’ambiente: dalla mancata depurazione delle acque reflue che riguarda moltissimi comuni, soprattutto del meridione, allo smog che soffoca le grandi città, passando per una gestione immonda dei rifiuti, solo per citare alcune delle questioni su cui l’Unione europea ci bacchetta.

A ciò si aggiunga che per alcuni di questi contenziosi siamo già alla doppia sentenza della Corte di giustizia. È il caso delle discariche abusive e delle ecoballe: a causa di queste procedure abbiamo già pagato centinaia e centinaia di milioni di euro in multe, che purtroppo ogni giorno aumentano.

In parole povere bisogna intervenire, e presto: il danno che i cittadini stanno subendo è enorme, sotto il profilo dell’ambiente, della salute e economico” dichiara Massimiliano Iervolino, Segretario di Radicali Italiani.

Roma, 17 gennaio 2020

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA