Coronavirus, Iervolino: bene Conte, ma assetto intergovernativo inadeguato ad affrontare crisi

“L’Italia non è isolata, nelle sue richieste e necessità. Il Consiglio europeo di ieri lo conferma, come già era stato indicato dalla lettera firmata da Conte, Macron e altri sette leader quasi un mese fa. Questa alleanza ha portato l’istituzione intergovernativa alla decisione di fornire alla Commissione uno strumento, il Recovery Fund, che consente trasferimenti senza precedenti i quali, seppure diversi dagli eurobond in senso tecnico, vanno nella direzione mostrata dall’Italia.

La risposta, però, continua a essere troppo lenta, un limite causato dalle modalità operative dell’organismo intergovernativo. Per l’accordo definitivo sui soldi che saranno messi nel Recovery Fund, su una eventuale quota a fondo perduto e sui tempi per poterne usufruire, infatti, bisognerà attendere il Consiglio di giugno, quando invece sarebbe richiesta la massima rapidità d’azione per fronteggiare una crisi che vede crollare il Pil europeo e quelli nazionali. L’assetto istituzionale che per deliberare richiede l’unanimità mostra tutta la sua inadeguatezza in questa emergenza” dichiara Massimiliano Iervolino, Segretario di Radicali Italiani.

Roma, 24 aprile 2020

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA