Africa, Boni e Manfredi: nasce Mercato Unico Africano AfCFTA e politica italiana lo ignora

“Dal primo gennaio 2021 è entrato in vigore l’AfCFTA (Area di libero scambio continentale africano): tutti gli stati africani (tranne l’Eritrea) hanno deciso di rimuovere i dazi sui commerci interni al continente sul 90% dei prodotti entro il 2025. La Banca Mondiale ha stimato che, grazie a tale accordo, nel 2035 ben dieci milioni di africani saranno usciti dalla soglia di povertà. Naturalmente la creazione di ricchezza in Africa consentirà anche lo sviluppo di maggiori commerci, contatti, ricchezza con il resto del mondo, Europa in primis. Eppure in Italia la politica e i partiti “che contano” non si sono accorti di nulla, concentrati sul loro ombelico”, lo affermano in una nota Igor Boni, presidente Radicali Italiani e Giulio Manfredi, Associazione radicale Adelaide Aglietta.

“L’unico giornale che ha messo l’AfCFTA in prima pagina è stata La Stampa e Gianni Riotta l’unico editorialista che ne ha scritto. Provincialismo o razzismo inconsapevole e quindi ancora più pericoloso? Fatto sta che il varo dell’AfCFTA non ha meritato nemmeno un comunicato del Governo e nella sezione “Mondo” del sito web del più diffuso giornale economico italiano compaiono tutti i continenti, Oceania compresa, tranne l’Africa. Sentiamo già i soliti ‘benaltristi’ iniziare ad ammonirci sul fatto che sarà difficile passare dalla carta alla realtà, vista la complessità della realtà panafricana, le diffidenze e le incomprensioni risalenti agli odi tribali e ai veleni del colonialismo”, continuano, “Poi c’è la Cina pronta a sfruttare qualsiasi possibilità per diventare la nuova potenza coloniale in Africa. Però Silver Ojakol (capo di gabinetto AfCFTA) ha giustamente affermato che ‘l’integrazione economica è un processo, non un evento, dovevamo cominciare e ci siamo riusciti’. Riotta nel suo articolo ha ricordato che per passare dalla ‘Comunità europea del carbone e dell’acciaio’ (1951) al Recovery Fund, l’Europa ha impiegato ben 70 anni. Non dobbiamo dunque insegnare nulla a nessuno; sarebbe più costruttivo, magari, tenere a mente che non esistiamo solo noi da questo lato di un Mediterraneo sempre più piccolo, tutti ipnotizzati dallo scontro titanico fra Conte e Renzi”, concludono.

5 gennaio 2021

POST COLLEGATI

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA