Riforme, Magi: Taglio non doveva essere apripista a nuove riforme?

“Lo stallo, o meglio il caos, sulle riforme dovrebbe far riflettere tutti coloro che presentarono agli italiani il taglio dei parlamentari come apripista a nuove riforme importanti. Stiamo vedendo accadere esattamente il contrario: la maggioranza non riesce ad approvare neanche i cosiddetti correttivi che in realtà, come noto, non correggono nulla. E’ la conseguenza del gioco spregiudicato fatto ai danni della Costituzione e culminato con la sbornia demagogica del referendum del 20 settembre.” Così Riccardo Magi deputato di +Europa Radicali, membro della Commissione Affari Costituzionali.

Roma, 23 novembre 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA