Migranti, Capriccioli: a Castelnuovo modalita’ muscolari, si proteggano le vulnerabilita’ e la vita delle persone

“Il trasferimento dei primi richiedenti asilo dal Cara di Castelnuovo di Porto ci preoccupa, sia per le modalità sommarie e muscolari con cui si è svolto, sia per l’impatto sul territorio, in relazione ai tanti posti di lavoro che verranno meno”. Così in una nota Alessandro Capriccioli, consigliere regionale di +Europa Radicali.

“In queste situazioni, come abbiamo avuto modo di ripetere più volte, occorre la massima gradualità e cautela. Perciò chiediamo alla Prefettura di Roma e al Viminale che vengano tutelate le situazioni più delicate presenti nel centro: a cominciare dalle famiglie con figli e dalle persone vulnerabili prese in carico da strutture del territorio che, se trasferite fuori Regione, dovrebbero interrompere bruscamente i percorsi scolastici e di cura già intrapresi.

In particolare, è spaventosa la prospettiva che i beneficiari di protezione umanitaria si ritrovino da un giorno all’altro in mezzo alla strada: mentre, specie se in condizioni di vulnerabilità perché vittime di tratta o di tortura, sarebbe fondamentale garantire loro la possibilità di rimanere in accoglienza per il tempo necessario a individuare una sistemazione presso strutture nella stessa Regione Lazio.

Stiamo per questo lavorando affinché sia possibile accedere quanto prima al fondo per la seconda accoglienza delle persone vulnerabili stanziato a dicembre dalla Regione, grazie a un nostro emendamento immaginato proprio per far fronte a situazioni delicate di questo tipo, determinate dalle norme scellerate del decreto sicurezza.

Stiamo parlando, sarà bene chiarirlo ancora una volta, della vita di decine di persone: ed è doveroso procedere senza accelerazioni ingiustificate e ingiustificabili, tenendo presente innanzitutto la tutela di chi è più esposto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA