Sospensiva della Legge 132/2018 a Palermo

di Francesca Turano Campello, Radicali Italiani, Palermo

In queste ore Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo ha diramato una circolare sospensiva della legge 132/2018 in quanto ritiene questo lesiva dei Diritti chiaramente espressi nella nostra Carta Costituzionale in diversi punti ed in particolare si richiama all’Art 2 , al 14, al 16 ed al 32, che proteggono la Libertà di movimento, disciplinano l‘inviolabilità domicilio ed il diritto alla Salute dato che anche gli stranieri (per Diritto sancito dalla nostra Costituzione) sono TITOLARI di tutti i diritti fondamentali.

E’ per questo che, in attesa di un esame approfondito della Legge voluta da questo Governo, il Sindaco di Palermo, anche a tutela della sicurezza (e dignità) di tutti i cittadini palermitani, ha sospeso l’applicazione della controversa norma.

Quanto all’insinuazione che la decisione del primo cittadino sia strumentale vogliamo testimoniare che sin da subito, e quindi molti mesi prima dell’emanazione della Legge oggi sospesa, questo ha aderito e promosso l’iniziativa ICE Welcoming Europe che richiama l’Europa TUTTA a concorrere alla piena integrazione di chi arriva in territorio europeo.

Come Radicali e per l’amore per la Verità ed il Diritto dobbiamo sottolineare anche che sin dai primi giorni di Novembre nel Consiglio Comunale di Palermo, in maniera TRASVERSALE, molti consiglieri hanno firmato un ordine del giorno che richiedeva la sospensiva del provvedimento a Palermo sottolineando, anche allora, come questo mettesse a rischio il processo di integrazione nella nostra città e colpisse in particolare i minori che qui sono arrivati, studiano, accedono alle cure del SSN e pacificamente procedono nella costruzione del loro Futuro insieme a tutti gli altri ragazzi palermitani.

Siamo a Palermo consapevoli di avere moltissimi problemi; l’inquinamento mafioso, la corruttela, l’intimidazione violenta e di certo, chi è intellettualmente onesto, non può dire che nella nostra Storia, passata o recente, protagonisti di questi atti siano le famiglie che arrivano sui barconi.

Per questo con forza sosteniamo la scelta del Sindaco Leoluca Orlando ed invitiamo tutti gli amministratori dell’Isola a procedere con la stessa sospensiva se hanno a cuore la nostra Costituzione ed il Diritto alla sicurezza, alla tutela della Persona Umana ed in definitiva di tutti, ma proprio tutti, poiché è chiaro che una smagliatura nel Diritto diventerà una falla che presto potrebbe colpire tutti, cittadine e cittadini italiani inclusi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mettiti in contatto con noi

 

DIFFONDI LA CAMPAGNA